In una lettera all’amico Attico, Cicerone descriveva l’esplosivo clima politico di Roma un mese dopo le Idi di marzo del 44 a.C.: guardie del corpo, veterani minacciosi, condizioni di pericolo per i cesaricidi, bande scorazzanti per le vie della città, pesanti condizionamenti della vita politica istituzionale (Lettere ad Attico 14.5). Il 14 maggio, sempre Cicerone […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’Italia è cambiata con il rock. Ma dov’è finito quello spirito?

prev
Articolo Successivo

La Befana vien di notte ed è sarda

next