IL Processo

Corruzione in Nigeria, la prima sentenza: “L’Eni sapeva tutto”

Le motivazioni a Milano

18 Dicembre 2018

È una sentenza che pesa su Eni come un macigno, quella della giudice milanese Giusy Barbara che motiva le condanne per corruzione internazionale inflitte il 20 settembre a due mediatori della compravendita dell’enorme giacimento petrolifero Opl 245 in Nigeria. È il risultato finale di un processo con rito abbreviato che riguarda soltanto due persone, l’italiano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.