Matteo Renzi a noi è simpatico. Lo consideriamo l’unico epigono della commedia all’italiana palesatosi sulle scene negli ultimi 5 anni. Ieri ha presentato a Firenze il suo documentario su Firenze, Firenze secondo me (“secondo Matteo” sarà parso troppo anche a lui), titolo scritto con font pseudo-rinascimentale su sfondo ecrù-seppiato, genere dépliant di percorso turistico su […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

L’hanno rimasto solo: Renzi perde pure i gruppi

prev
Articolo Successivo

Chérif, il jihadista annunciato, ucciso lì dove era partito

next