C’è un momento in cui devi smettere, possibilmente all’apice, e quel momento non lo “senti” mai. O forse lo senti, ma proprio per questo ti ostini ad andare avanti, illudendoti che il tempo non sia passato. Capita ai campioni, anche quelli più grandi, e pure ai malati di onnipotenza. Quindi anche a Silvio Berlusconi. È […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La guerra civile spagnola diventa “fiction”

prev
Articolo Successivo

“Ciancio è socio di mafiosi ”Sequestrati anche i giornali

next