Tra gli appunti del Gides salta fuori una annotazione risalente al 1985: il medico ritrovato morto nel lago Trasimeno, Francesco Narducci, era stato fermato al casello di Firenze nei giorni precedenti all’ultimo delitto. Le indagini su di lui però non sono state compiute. Forse perché ritenuto sin da subito uno dei tanti automobilisti di passaggio. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Inchiesta sulla strage nelle gole del Pollino: “Gite senza regole”

prev
Articolo Successivo

La versione di Asia: “Niente sesso, ho solo aiutato Bennett”

next