Nella famiglia mafiosa del latitante Matteo Messina Denaro aumentano le primule rosse. Da oltre un mese magistrati e investigatori danno la caccia a Vito Bigione di 66 anni originario di Mazara del Vallo, per gli addetti al crimine è “il commercialista”, con specializzazione in traffici internazionali di stupefacenti. Per anni – da fuggiasco – è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Tiziana non è morta da sola, era manipolata”

prev
Articolo Successivo

Vasvija “Madame furto” sempre incinta. L’“Adelina”della Loren ha la sua erede

next