Vasvija, nome d’arte Madame furto (così l’hanno ribattezzata gli investigatori romani) è stata beccata un’altra volta ieri. A Termini, nel senso di stazione della metro, è stata fermata mentre sfilava il portafogli al solito turista. E non è mica la prima volta. A febbraio era stata sorpresa mentre si cucinava un altro turista sempre nella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Messina Denaro, la strana fuga del “commercialista”

prev
Articolo Successivo

Non c’è solo la ‘ndrangheta: Duisburg e il dragone cinese

next