I dati certi sono pochi, ma pesano. I conti di Tim nel secondo trimestre arrancano, con antipatiche conseguenze. In 40 giorni, da quando l’assemblea degli azionisti ha eletto il nuovo consiglio d’amministrazione targato Elliott, il titolo dell’ex monopolista telefonico ha perso in Borsa il 20 per cento. La Cassa Depositi e Prestiti ha già perso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

In memoria di mia moglie. Ale, una sorgente di luce

prev
Articolo Successivo

La difficile missione di Varoufakis

next