Chi s’aspettava che il professor Giuseppe Conte entrasse in punta di piedi sulla scena del G7, il più prestigioso ed esclusivo dei Vertici della ‘governance’ mondiale, è rimasto senza dubbio spiazzato: il premier ha mutuato il linguaggio, se non la postura, dei suoi due tribunizi vice-premier ed è stato esplicito negli incontri bilaterali e ‘d’area’ […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Da spesometro a flat tax. I numeri del nuovo fisco

prev
Articolo Successivo

Lo spread sale ancora. Savona rassicura: “Euro va rafforzato”

next