I ministri vanno e vengono, si sa, e in queste ore arrivano. I capi di gabinetto, invece, pur mobilissimi tra un ministero e l’altro restano e, spesso, comandano. “Chi credete che le scrive le finanziarie di Tremonti?”, domandava retorico Guido Crosetto ai tempi di un governo Berlusconi. La risposta era: Vincenzo Fortunato, capo di gabinetto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Applausi e biglietti da visita. È il nuovo potere “barbaro”

prev
Articolo Successivo

Salvini, le mani sui migranti: “Meno fondi all’accoglienza”

next