Il suo peso specifico non lo nasconde, non lo mimetizza, non bluffa. È lì. Basta volerlo vedere e non fermarsi al solo esteriore “quello che sistematicamente ti etichetta e riduce a buono e simpatico. Al contrario so essere anche molto stronzo”. Il peso specifico di Giuseppe Battiston lo raccontano i tre David vinti, tutti da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I No Tav e i pro Palestina. Poi Froome vince il Giro

prev
Articolo Successivo

“La mia Gerda Taro è viva e significa ancora libertà”

next