La giornalista Paola Zanuttini incontrò Philip Roth nel 2016. Lo intervistò per “Repubblica”, nella sua casa di New York, quando uscì il suo trentesimo libro: “L’Umiliazione”. Il penultimo. Cosa le è rimasto impresso di quell’incontro? Appena lo vidi mi sorprese. Mi chiese di raccontargli il suo libro. Mi disse: ‘Non me lo ricordo, ne sto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Goodbye Mister Roth. Se ne va il dissacratore

prev
Articolo Successivo

“Il viaggio in Italia e Primo Levi. Così si sbloccò la sua penna”

next