“La visita di Philip Roth a Torino a Primo Levi, nell’ottobre del 1986, fu certamente uno degli ultimi momenti felici nella vita di Primo, che di lì a pochi mesi, nel 1987, si sarebbe ucciso. E rappresentò inoltre una sua rilevante consacrazione internazionale, grazie all’intervista che lo scrittore americano gli fece e poi pubblicò in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

3 domande a

prev
Articolo Successivo

Tutte le volte che… alla fine ha vinto un altro

next