Per chi ama i film a lieto fine, o le storie di (presunta) redenzione; per chi ama ricamare sul ragazzo cresciuto in periferia modello-Ramazzotti e arrivato (da protagonista) sulla passerella di Cannes; per chi crede nella bontà di lottare con testa e corpo, pugni inclusi, con i minuti della vita, uno come Edoardo Pesce offre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Zoncolan, Froome s’impone sulla montagna più dura. Yates ancora in rosa

prev
Articolo Successivo

Roma sparita 5 – Rimedi naturali

next