Alle cinque. Di una sera memorabile per la piccola grande storia del Giro d’Italia, con lo Zoncolan ricoperto di centomila tifosi in delirio e in attesa del grande Spettacolo, Chris Froome mulina le gambe come quando dominava il Tour non aveva sul collo la spada di Damocle del sospetto di doping (che lui rinnega). Certo, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La Palma d’oro al Giappone e per l’Italia c’è un triplete

prev
Articolo Successivo

“Io i bulli li conosco bene, li ho subiti e combattuti. E li porto sullo schermo”

next