Cene, notti in albergo, alcolici, cellulari, persino cioccolatini: tutto in conto alla Regione Liguria, per un totale vicino ai 300 mila euro. Due giorni fa la Procura di Genova ha chiesto e ottenuto il sequestro preventivo dei conti correnti di diciassette ex consiglieri regionali della Liguria per aver lucrato sui rimborsi tra il 2008 e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Napoli, monnezza e corruzione: De Luca jr. e Fratelli d’Italia nei guai

prev
Articolo Successivo

L’ambasciatore del Catonga, ovvero Silvio al pomeriggio

next