Di intellettuali così si è perso lo stampo: ecco la prima cosa che verrebbe da dire, di fronte alla figura di Bobi Bazlen. E invece no. Lo stampo di Bazlen non c’è oggi come non c’era prima, ai tempi di un’editoria di cui, questo sì, si è perso lo stampo, semplicemente perché non è mai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sky riparte da Gomorra, aspettando Django

prev
Articolo Successivo

Giornalisti giallisti: la cronaca nera fa scrivere bene

next