Il documentario

Alla “cena di Toni” arrivano tardi soltanto la malattia e il farmaco

Aspettare stanca, soprattutto se qualcosa di inatteso ti ha già stravolto la vita. Ma non se si è in compagnia

18 Luglio 2017

“Ti chiamo perché volevo chiederti se le canne fanno aumentare l’appetito, visto che hai un fidanzato che se ne fa tante”. Ad alzare il telefono per domandare informazioni è Toni De Marchi, giornalista, classe 1951, “mai uno spinello” in vita sua, ammalatosi di sclerosi multipla nel 2004. Protagonista del documentario girato e completamente prodotto dalla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.