Il Tour de France lunedì 17 luglio ha riposato. La memoria del ciclismo no. È tornata indietro di 75 anni, a un altro 17 luglio. Quello del 1942. Per i francesi, la data indelebile della vergognosa Rafle du Vel d’Hiv, la retata del Velodromo d’Hiv, il tempio della pista, cominciata alle 4 del mattino del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Alla “cena di Toni” arrivano tardi soltanto la malattia e il farmaco

prev
Articolo Successivo

“Carosello”, la memoria viva dell’Italia che diventava adulta

next