La questione, riguardo alla legge elettorale presentata dal Pd alla Camera, è semplice: per com’è congegnata non garantisce il rapporto tra il voto del singolo cittadino e coloro che saranno eletti in Parlamento. Proprio ciò che chiedeva la sentenza con cui la Corte costituzionale bocciò il Porcellum a fine 2013. In sostanza – attraverso il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Grillo silenzia i parlamentari: “Si va avanti, ha deciso il web”

prev
Articolo Successivo

Legge elettorale, Besostri: “Se resta così, è un testo anticostituzionale”

next