L’11 febbraio all’assemblea Pd di Napoli, quando i casi delle tessere regalate a Miano (Napoli) e quelle comprate a pacchi sul web con la stessa ‘Postepay’ a Castellammare di Stabia sono lontanissimi, Antonio Bassolino prende la parola e fa un parallelismo tra le candidature false nella lista di Valeria Valente e le tessere false nei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La voglia matta di elezioni: così Forza Italia scopre la passione per i magistrati

prev
Articolo Successivo

Melisse: “130 iscritti con la mia Poste Pay. Ma che c’è di male?”

next