Ibm, nuova sede nelle aree Expo in cambio dei nostri dati sanitari

L’accordo “confidenziale”: il gruppo Usa creerà una piattaforma per la gestione delle informazioni mediche, che però potranno essere usate “per finalità ulteriori rispetto ai progetti”
Ibm, nuova sede nelle aree Expo in cambio dei nostri dati sanitari

A fine marzo 2016, i quotidiani italiani danno la notizia entusiasti: il presidente del Consiglio Matteo Renzi, durante il suo viaggio negli Stati Uniti, ha firmato a Boston un importante accordo con l’Ibm. La multinazionale americana farà sorgere a Milano – sull’area Expo, accanto all’ipotizzato polo di ricerca Human Technopole – un suo centro europeo, con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.