Vi ricordate le quattro banche salvate per decreto il 22 novembre con contestuale tosatura di azionisti e obbligazionisti subordinati? Ecco, quei quattro istituti – Banca Marche, Popolare Etruria, CariFerrara e CariChieti – non sono ancora proprio salvi: il programma prevedeva che, risanati dai crediti inesigibili (le sofferenze, passate a una bad bank), le “Nuove” banche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il bacia-piede costa l’inchiesta sui treni

prev
Articolo Successivo

Como come Ventimiglia, in 400 bloccati in stazione

next