Visti da fuori, sembrano pretesti. Il motivo principale, ufficiale, dello sciopero di quattro ore di ieri di piloti e assistenti di volo Alitalia, è legato ai voli gratuiti di cui usufruisce una minoranza dei lavoratori. Si tratta di un’antica prassi, sopravvissuta solo nel vettore italiano, per cui chi abita distante dalle sedi di lavoro di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Trattato col Canada, la resa di Bruxelles: ora il Ttip è morto (forse)

prev
Articolo Successivo

Non solo Tav: perché le grandi opere ci piacciono

next