Cinque capitoli, 300 pagine, un’istantanea desolante del presente, preoccupante del futuro. Difficile che Matteo Renzi si legga per intero il rapporto annuale Istat 2016, presentato ieri, ma potrebbe anche fermarsi a metà e scoprire questo: “Le dinamiche demografiche non comporteranno un miglioramento dell’utilizzo dell’offerta di lavoro, pur in presenza di un modesto aumento occupazionale. Nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Referendum costituzionale, lo studente di Catania accusa Boschi: “Questa riforma è una violenza inedita”

prev
Articolo Successivo

l’Abisso tra palazzo e paese reale

next