Bruxelles, capitale dell’Europa; e Bruxelles, Raqqa dell’Europa, capitale del Califfo: nel cuore d’una città spesso dipinta come noiosa e sonnolenta, grigia e uggiosa di pioggia e di routine, esplodono e s’intrecciano e si sovrappongono l’una all’altra, lo stesso giorno, tutte le crisi e le paure di un’Unione incerta e divisa, soprattutto l’immigrazione e il terrorismo. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

126 giorni da imprendibile

prev
Articolo Successivo

Molenbeek e altri disastri. Una lunga caccia a moscacieca

next