“Ti amo”, e ti abbiamo persino perdonato

“Ti amo”, e ti abbiamo persino perdonato

“È una farfalla che muore sbattendo le ali / l’amore che a letto si fa / prendimi l’altra metà / oggi ritorno da lei”. Alzi la mano (va bene pure in anonimato) chi di noi non ha mai canticchiato questi versi… Un vero tormentone nell’estate 1977, esattamente 40 anni fa, quando Umberto Tozzi aveva 25 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.