Sarahah, gira e rigira alla fine qualcuno ti scriverà “merda”

Sarahah, gira e rigira alla fine qualcuno ti scriverà “merda”

L’applicazione di moda questa estate ha un nome che ricorda un deserto ma che, a quanto pare, significa “onestà”: Sarahah. Una virtù che, secondo lo sviluppatore saudita del servizio di messaggistica, sembra possa essere coltivata solo anonimamente. È arrivata, insomma, la sincerità a portata di pavido 2.0. E non poteva non piacere. Sfondo azzurro, grafica […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.