Salah, l’assassino “stressato” diventa gola profonda

Il suo legale conferma: “Collaborerà”. In un covo trovati detonatori con il dna dell’ex primula rossa dell’Isis

Je suis content que ce soit terminé. Je n’en pouvait plus”: sono contento che sia finita, non ne potevo più. Così parlò Salah Abdeslam agli uomini dell’antiterrorismo belga, prima di essere immobilizzato. È certo che non la prenderanno molto bene a Parigi i parenti delle 130 vittime di quel maledetto 13 novembre. Loro non se lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.