Rain Man (1988), l’apoteosi e la seconda statuetta

Rain Man (1988), l’apoteosi e la seconda statuetta

Il secondo dei due Oscar da attore protagonista – l’altro è per Kramer contro Kramer – vinti su sette nomination. Dustin è semplicemente mostruoso, capace persino di eludere le ruffianate e le incongruenze del film: impuntature e gesti meccanici, scarti repentini e passi incerti, il ritratto che fa dell’autistico Raymond Babbit è indelebile, commovente e, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.