“Qui in Slovenia fanno razzia di nostre schede”

I plichi rubati. I furti organizzati nelle cassette della posta dei residenti oltreconfine
“Qui in Slovenia fanno razzia di nostre schede”

Il raccoglitore di schede elettorali. Italiane. In Slovenia pare che sia un mestiere piuttosto redditizio, tanto che si racconta di “bande” di ragazzi sloveni specializzate nel ripulire le cassette della posta degli italiani residenti oltreconfine. Che sono migliaia. E non soltanto per la comunità storica di istriani. Negli ultimi anni è arrivata una nuova ondata di imprenditori […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.