Quei selfie sulla A-14 che brucia e l’ultimo “falò delle vanità”

L’io stravince, non ci sono margini. L’io domina, lo schermo ti sorride, il risultato sullo schermo è anche modificabile, basta saper utilizzare le giuste funzioni, oplà, sei anche tu soggetto da copertina. L’io non ti concede sfumature di dubbio, l’io non dà margini alle variabili, all’eccezione altrui, al giudizio differente da “bello”, “super”, “fantastico”, “beato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.