Putin e la mossa del “gambetto” che confonde l’avversario

Il presidente gioca a scacchi con Obama come gli ha insegnato il Kgb e mira a una nuova Yalta con la Cina
Putin e la mossa del “gambetto” che confonde l’avversario

Il 2017 di Vladimir Putin è già cominciato l’altro giorno, con il rabbioso attacco di Obama e la furba replica di Mosca. Furba, più che inaspettata. Putin, infatti, ha preso tempo. Aspetta che il vecchio inquilino della Casa Bianca se ne vada. Non ha replicato coi muscoli, come qualcuno temeva. L’ha ridicolizzato, s’intende, sul piano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.