Il 2017 di Vladimir Putin è già cominciato l’altro giorno, con il rabbioso attacco di Obama e la furba replica di Mosca. Furba, più che inaspettata. Putin, infatti, ha preso tempo. Aspetta che il vecchio inquilino della Casa Bianca se ne vada. Non ha replicato coi muscoli, come qualcuno temeva. L’ha ridicolizzato, s’intende, sul piano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La magnanimità dello Zar: “Noi non cacciamo nessuno”

prev
Articolo Successivo

La guardia del Cremlino con Donald alla Casa Bianca

next