Pestaggi, carabinieri arrestati. Dicevano: “Noi come la mafia”

Uno in cella, tre ai domiciliari: lesioni, sequestro, falso e violenza sessuale. Vittime stranieri e italiani. Il manganello d’acciaio e il sospetto di un omicidio
Pestaggi, carabinieri arrestati. Dicevano: “Noi come la mafia”

Bisogna essere “come la mafia”. Da questa caserma non deve uscire niente. Nessuno deve sapere che cosa succede qui. A pronunciare questa frase sarebbe stato un carabiniere, non un mafioso. Queste parole hanno fatto capire ai magistrati di Massa Carrara la gravità dell’inchiesta che avevano per le mani. Tanto grave che un investigatore aggiunge: “Abbiamo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.