“Ora sono un (vero) cane sposato e non posso più fare il play boy”

Anche in Italia si è diffusa la moda dei matrimoni tra animali. Colpa dei padroni sadici cui piace infliggere ai 4 zampe indifesi le loro stesse pene
“Ora sono un (vero) cane sposato e non posso più fare il play boy”

Io sono un cane. Certo, non ne presento le caratteristiche: deambulo su due zampe, non ho la coda, non faccio casino se suona il citofono, non lecco la gente, non sbavo a colate, non riempio il divano di peli quando mi ci siedo, non mi azzuffo per strada con altri uomini che insidiano il mio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.