“Mi paragonano a Svevo. Ma nessuno sa chi sono”

“Mi paragonano a Svevo. Ma nessuno sa chi sono”

Se accetti di vivere circondato dalla bellezza senza poterla possedere – pur alimentandola – allora questo è un lavoro da consigliare. Altrimenti è un suicidio”. Alessandro – lo chiameremo così – è uno “scrivente” (“Non posso definirmi uno scrittore”): gli scaffali delle librerie sono pieni dei suoi libri, ma il suo nome non compare da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.