Meglio il simbolo pagano, semplice da afferrare e più coerente

Meglio il simbolo pagano, semplice da afferrare e più coerente

Ormai è diventato lo specchio delle nostre contraddizioni. Lo guardiamo in giro per le strade sotto le feste, nelle scuole dei nostri figli e sotto sotto siamo contenti: il presepe fa tanto calduccio, rassicura, è l’immagine idilliaca di un’epoca preglobale, senza immigrazione né vincoli Ue. Ma quando tocca a noi farlo, a casa, l’imbarazzo diventa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.