» Italia
giovedì 18/01/2018

Milano, incidente alla Lamina. “Allarme rotto e valvola del gas difettosa”

La strage in fabbrica - Gli accertamenti di carabinieri e pompieri: nella vasca oltre 40 centimetri di azoto e il sensore era guasto. Il quarto dipendente in gravi condizioni morto nel pomeriggio

In via Rho al 9 per tutta la giornata di ieri qualcuno ha lasciato dei fiori, altri delle candele. I magistrati sono tornati per nuovi sopralluoghi, per diradare la nebbia fitta che ancora impedisce di capire cosa sia successo martedì all’interno del forno della Lamina spa. Quella fuga di gas e quei tre operai morti soffocati e un quarto per il quale, dopo l’accertamento della morte cerebrale da parte dei medici dell’ospedale San Raffaele è stato dichiarato il decesso. Per iniziare a dare un senso alla strage bisogna ritornare agli accertamenti iniziali fatti dai carabinieri e ai primi interventi dei vigili del fuoco. Sta qui la chiave per ricostruire la dinamica della vicenda. Due dati su tutti: l’allarme era rotto e la valvola del serbatoio dell’azoto era mal funzionante.

E così ecco il primo elemento clamoroso: l’allarme che non ha suonato non poteva farlo. Il motivo è molto semplice quanto drammatico: era guasto. Nello specifico, così hanno ricostruito i carabinieri, c’era un danno nel sensore che sta all’interno della vasca dove sono morti i primi due lavoratori, l’elettricista Marco Santamaria e il capo reparto Arrigo Barbieri. Il dato, sostengono gli investigatori, era ben presente al capo reparto. “Non a caso – spiega una fonte investigativa – era stato chiamato l’elettricista”. La presenza di Santamaria così non è legata alla manutenzione del riscaldamento come detto anche dagli stessi operai, bensì all’intervento sul sensore che attiva l’allarme in caso di fughe di gas. Torniamo allora all’incidente: sono circa le 16:30. I due scendono nella vasca attraverso la scaletta. Sanno che l’allarme non funziona, ma evidentemente sono sicuri che non vi sia pericolo. Dovrebbero ragionare in modo diverso? Tenere a mente gli aggiornamenti sulla sicurezza? O forse quegli aggiornamenti non erano completi al punto da sconsigliare una discesa in vasca con il sensore rotto e senza dotazioni specifiche?

I fatti raccontano che Marco e Arrigo sono scesi senza il minimo accorgimento, nemmeno una piccola mascherina. Il dramma, a questo punto, pare inevitabile. Perché quando fanno l’ultimo gradino s’immergono in 40 centimetri di azoto che ha coperto l’intera superficie della vasca bruciando ogni molecola di ossigeno. Qui c’è solo azoto e non anche metano come ha confermato ieri il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano. Si tratta di un gas non volatile e pesante che va a depositarsi al suolo. In quel momento la quantità è abnorme, segno che la perdita ormai va avanti da tempo. Ad Arrigo e Marco bastano pochi istanti per perdere i sensi ed entrare in arresto cardiocircolatorio. Non hanno nemmeno il tempo di chiedere aiuto. Lo farà, poi, Giancarlo Barbieri, fratello di Arrigo, tentando di salvarli e rischiando di soffocare. Destino peggiore capiterà all’operaio Giuseppe Setzu che morirà tentando un ultimo soccorso. Ed ecco il secondo dato clamoroso che spiega, secondo la ricostruzione dei vigili del fuoco, la presenza di azoto nella vasca. Il gas non esce dai tubi gialli, non vi è perdita lì.

L’azoto si sprigiona dalla valvola del serbatoio. E anche qui il motivo è semplice: quella valvola è difettosa. Insomma non funziona bene e non chiude a dovere l’azoto che, normalmente, vien usato per saturare l’interno della campana per evitare che l’alluminio si ossidi con l’ossigeno. Naturalmente si tratta di una variante non calcolabile da parte degli operai. C’è poi un altro dato che se pur non centrale aiuta gli investigatori a disegnare il quadro: la campana utilizzata per scaldare l’alluminio risale agli anni Ottanta. Oggi, infatti, esistono macchinari più sicuri dove il serbatoio e i tubi del gas sono collocati esternamente. Questa la ricostruzione in mano agli investigatori.

Un particolare in più: la manutenzione all’impianto prodotto dalla ditta austriaca Ebner risale a soli due mesi fa. Anche questo elemento è in mano ai magistrati che da ieri procedono per omicidio colposo plurimo e lesioni colpose. Allo stato è indagato solo l’ingegner Roberto Sanmarchi come rappresentante legale della Lamina. Nei prossimi giorni sarà disposta dalla Procura un accertamento tecnico al quale parteciperanno pure i legali della ditta.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Italia
Critiche a Gentiloni

Un anno da Rigopiano. Il sindaco di Penne: “Promesse disattese”

Un anno dopo a Rigopiano sulle macerie dell’hotel scende la neve. Era il 18 gennaio 2017 quando una valanga travolse e distrusse la struttura di Farindola (Pescara), provocando la morte di 29 persone, l’Abruzzo oggi vivrà una giornata di commemorazione. Le iniziative sono state promosse dal Comitato Vittime di Rigopiano, che riunisce superstiti e familiari degli scomparsi, in collaborazione con la Pro Loco di Penne (Pescara) e il patrocinio del Comune di Penne (Pescara). Intanto il sindaco di Penne, Mario Semproni, alla vigilia del primo anniversario della tragedia, intervistato a Fuori gioco di Rai Radio Uno, parla di disattenzione da parte dello Stato. “Mi aspettavo più attenzione e più rispetto dalle istituzioni sovracomunali. Lo stesso presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, aveva promesso maggiore attenzione per la comunità pennese. Nulla però è stato fatto, aspettiamo ancora una sua visita”. E aggiunge: “Perfino le strutture occupate dal campo base allestito nel palazzetto dello sport per i soccorsi di Rigopiano sono rimasti così come un anno fa perché lo Stato non ci ha aiutato e noi non abbiamo i soldi per ripristinare le infrastrutture”.

Italia

L’amico di Tiziano a Montecitorio con il pass del Pd

Italia

Venezia, non era morto cadendo da 3 metri ma stritolato dal “ragno” del demolitore

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×