» Cultura
martedì 21/03/2017

La storia dei quadri che prima non c’era

La lingua dei furfanti - Elisabetta Sgarbi segue con la telecamera grandi dipinti come fossero attori
La storia dei quadri che prima non c’era

Chissà se Elisabetta Sgarbi, nel lavorare al suo film La lingua dei furfanti si rendeva conto che avrebbe sfidato un principio de La semiotica generale molto caro a Umberto Eco. Era la parte del Trattato che riguardava le immagini degli specchi e diceva di esse che non possono mentire e perciò non sono segni. Sgarbi […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

Da Zero a Zeroskij, 50 anni di carriera festeggiati sul palco

Sport

Quant’è grande l’Europa vista dal buco della Serie A

I (non) luoghi del cinema italiano: ossessione per la cattiveria esibita
Cultura
Di Successo e di critica

I (non) luoghi del cinema italiano: ossessione per la cattiveria esibita

di
Il fantasy è accanto a noi anche se non lo vediamo
Cultura
Vanni Santoni

Il fantasy è accanto a noi anche se non lo vediamo

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×