“La Scuola” è finita: declino della finanza bresciana

Si chiude un’epoca con i licenziamenti alla storica casa editrice, intreccio di potere e cultura
“La Scuola” è finita: declino della finanza bresciana

C’era una volta un’isola felice che produceva – insieme – utili, cultura e formazione cristiana. Era l’Editrice La Scuola di Brescia, fondata nel 1904 dall’avvocato Luigi Bazoli (uno dei fondatori con don Sturzo del Partito popolare), Giorgio Montini (padre del futuro papa Paolo VI) e Angelo Zammarchi (grande amico di padre Agostino Gemelli, il fondatore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.