La novità di un marxismo senza più un proletariato da emancipare

Nell’epoca dei populismi, il conflitto politico toglie il Welfare alla sinistra e lascia alla destra lo scontro di civiltà
La novità di un marxismo senza più un proletariato da emancipare

Il populismo è popolare. La sinistra arretra rispetto alla ragione sociale della ditta – rappresentare le sollecitazioni del popolo – mentre la destra, costretta alla caricatura di una conclamata minorità culturale, le esaspera. La destra, infatti, non ne risolve mai uno dei problemi posti dalla realtà, anzi: strumentalizza costantemente gli urti della società per ricavarne […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.