Il suo cane miagola alle sventure

Il suo cane miagola alle sventure

Ho un amico matto, che forse matto non è. Si chiama Annibale, ma non vuole che nessuno lo chiami così, ha il sospetto che Annibale, il grande cartaginese che sconfisse Roma, fosse un tifoso laziale. Vuole essere chiamato Romolo, come il primo re di Roma, quindi sicuramente un romanista convinto, al pari di Falcão che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.