» Italia
venerdì 06/07/2018

Millennium in edicola – Il porno della porta accanto, dai giganti del web a Snapchat

Su Fq Millennium - Domani, sul mensile diretto da Peter Gomez, le inchieste su come cambia e quanto vale il business del sesso

Viviamo nell’era del porno di massa. Tramontati i tempi dei “giornaletti”, dismessi i cinema a luci rosse (e poi le videocassette, e poi i dvd), grazie al web il “proibito” non è mai stato così a portata di mano. Anche di chi, per legge e per buon senso, dovrebbe starne lontano: bambini e ragazzini. In Italia il 73% di loro, tra gli 8 e i 16 anni, ha visitato almeno un sito porno (dati Telefono azzurro/DoxaKids), surrogato poco raccomandabile di un’educazione sessuale carente fra i banchi di scuola. Pornhub (controllato da Mindgeek, sede a Montreal, casa madre anche di RedTube, YouPorn e tanti altri) nel 2017 ha registrato 28,5 miliardi di visite (l’anno precedente furono 23 miliardi). Offre online talmente tanti video che per vederli tutti ci vorrebbero settant’anni filati. La politica del (quasi) tutto gratis, però, ha asfaltato un settore un tempo fiorente e a suo modo glorioso. Produttori, registi, pornostar e aspiranti tali sono costretti a reinventarsi per monetizzare le loro doti. Si aprono nuove nicchie: come il porno “di qualità”, filone nel quale si iscrive la rivoluzione del porno al femminile, pensato e girato da donne per piacere alle donne. Le quali sempre di più invadono un territorio un tempo “per soli uomini”. In Italia, nel 2017 le utenti di Pornhub sono aumentate del 22% sull’anno precedente, lasciando tracce nitide nel motore di ricerca del sito: mentre i maschietti puntano sempre più decisamente sulle mature “Milf”, l’altra metà del porno clicca massimamente la categoria “lesbian”. Fuori dai portali “istituzionali”, emerge il fenomeno del porno blasfemo: roba forte e, a quanto raccontano le operatrici specializzate, ben retribuita.

Sono solo alcune delle storie, dei numeri, delle inchieste che troverete su Fq Millennium, il mensile diretto da Peter Gomez, in edicola da domani con il titolo di copertina “Tutto quello che avreste voluto sapere sul porno, ma nessuno ha mai osato raccontarvi”. Perché se è vero che il sesso virtuale è sempre più presente nelle nostre vite – basti pensare all’uso corrente di termini come “Milf”, “threesome”, “gangbang”… – resta comunque ammantato da un’ipocrita indifferenza, e nessuno si prende la briga di raccontare il mondo che sta dietro quei miliardi di frementi clic.

“È come se oggi il porno avesse raggiunto il limite dell’esprimibile. Ciò che circola in Rete soddisfa ogni fantasia o esigenza”, spiega per esempio Pietro Adamo, storico dell’Università di Torino e studioso del settore. Oggi la frontiera è la sezione “model” di Pornhub, che riserva ai partecipanti – amateur o pornstar – premi mensili di mille euro e annuali fino a 10 mila per i video più visti. Tra i più seguiti nella categoria “coppie”, con 44 milioni di visualizzazioni in pochi anni, figurano i non professionisti Kim e Paolo. Lei 22 anni, lui 27, italo-argentini, da tre anni girano il mondo vivendo di questo. Quando vogliono accendono la webcam e si mostrano in diretta mentre fanno sesso. “È tutto autoprodotto. Quello che vedete nei nostri video è reale”, spiegano a Fq Millennium. La webcam, con abbonamenti proposti a qualche decina di dollari al mese, permette a molti professionisti di guadagnare quello che è sempre più difficile ricavare dai film. “Chi guarda il mio Snapchat pubblico vede la persona che c’è dietro lo schermo, come passo le mie giornate, non sono solo il mio culo e le tette. Chi si abbona apprezza ancora di più il fatto che condivido una parte di me ogni giorno”, spiega la pornostar Francesca Di Caprio.

Rigorosamente a pagamento anche la produzione di Erika Lust, una delle più note registe di porno al femminile. Svedese trapiantata a Barcellona, 41 anni, 100 cortometraggi e quattro “lunghi” all’attivo, Lust (“lussuria” in inglese, ndr) prova a sovvertire l’estetica rozza del porno che vuole attrici a gambe all’aria, attori in modalità martello pneumatico, primi piani ginecologici e totale assenza di trama. Il suo manifesto, che racconta in un lungo ritratto, parte da qui: “Più spazio ai baci, ai preliminari e alla comunicazione tra le persone”.

Il porno di massa, però, può diventare una malattia, una dipendenza del tutto simile alla ludopatia. Fq Millennium è andato in due centri della SiiPaC (Società italiana intervento patologie compulsive), a Roma e a Milano. A farsi raccontare le storie di chi ci è caduto. E fa molta fatica a uscirne.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Italia
Omicidio del piccolo Loris

Anche in appello 30 anni alla madre, che urla al suocero

La Corte d’assise d’appello di Catania ha confermato la condanna a 30 anni di carcere a carico di Veronica Panarello, accusata dell’omicidio e dell’occultamento del cadavere del figlio Loris Stival, di 8 anni, ucciso a Santa Croce Camerina, nel Ragusano, il 29 novembre 2014. Il collegio, presieduto da Rosario Cuteri, giudice a latere Stefania Scarlata, si è pronunciato dopo una camera di consiglio iniziata poco prima delle 13 e durata circa quattro ore e mezza. La richiesta di pena era stata formulata dall’accusa rappresentata dal sostituto procuratore generale Maria Aschettino. Era presente l’imputata. Il suo difensore, Francesco Villardita, aveva chiesto, invece, l’assoluzione per non avere commesso il fatto “anche per la contraddittorietà e insufficienza della prova”. Alla pronuncia della sentenza la donna ha urlato diretta al suocero: “È colpa tua, ti ammazzo con le mie mani. Sei contento adesso?”. La donna ha sempre sostenuto che ad assassinare il bambino sarebbe stato Andrea Stival perché il bambino aveva scoperto una loro presunta relazione. Gli avvocati difensori della donna aspettano le motivazioni, ma sono pronti a ricorrere in Cassazione.

Mondo

“Oil for food fu la madre di tutti gli scandali. Ma adesso c’è Internet…”

Italia

“È entrato il diavolo!”, e il palazzo crollò

“Il Quarto Stato? Fu il cinema prima del cinema”
Italia
L'intervista - Philippe Daverio

“Il Quarto Stato? Fu il cinema prima del cinema”

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×