Il Piave mormorava. Prima. Ora se lo mangiano le centrali

Il 90% - È la quantità d’acqua succhiata per produrre energia: adesso vogliono anche il resto. La resa in elettricità è poca, gli incentivi tanti
Il Piave mormorava. Prima. Ora se lo mangiano le centrali

Ci hanno tolto l’acqua del Piave. Ma anche rumore, colori, luce. Perché un fiume è questo, una presenza che senti”. Pietro Sommavilla è un ingegnere che ha campato coi numeri, ma è pure un uomo della Piave – al femminile, come la chiamano sulle Dolomiti – e alla fine l’amore non si esprime con le […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.