Ci hanno tolto l’acqua del Piave. Ma anche rumore, colori, luce. Perché un fiume è questo, una presenza che senti”. Pietro Sommavilla è un ingegnere che ha campato coi numeri, ma è pure un uomo della Piave – al femminile, come la chiamano sulle Dolomiti – e alla fine l’amore non si esprime con le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Catania si svena per l’ex moglie del sindaco

prev
Articolo Successivo

Gianmaria Testa, il tempo è passato troppo presto

next