Il Centro “battezza” Calenda, Fini risorge senza la Tulliani

Il Centro “battezza” Calenda, Fini risorge senza la Tulliani

La politica italiana deve tirare a campare fino alla primavera prossima, scadenza naturale della legislatura, e si moltiplicano tentazioni e posizionamenti: il ministro dello Sviluppo, nuovo “oggetto del desiderio”, va in visita dagli alfaniani “clandestini” e l’ex An Consolo apre uno studio in piazza di Spagna

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.