» Società
lunedì 24/04/2017

Il Centro “battezza” Calenda, Fini risorge senza la Tulliani

Il Centro “battezza” Calenda, Fini risorge senza la Tulliani

La politica italiana deve tirare a campare fino alla primavera prossima, scadenza naturale della legislatura, e si moltiplicano tentazioni e posizionamenti: il ministro dello Sviluppo, nuovo “oggetto del desiderio”, va in visita dagli alfaniani “clandestini” e l’ex An Consolo apre uno studio in piazza di Spagna

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Storia di Copertina

Perché non possiamo non dirci antifascisti

Commenti

“Ci metto la faccia”, la retorica di una élite irresponsabile

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×