Facebook censura le tette di Spada. Come i nazisti con l’arte “degenerata”

Vietate sul Social le immagini della mostra “Seduzione e Potere”
Facebook censura le tette di Spada. Come i nazisti con l’arte “degenerata”

Va detto: la tetta a Facebook non è mai piaciuta; non l’ha mai potuta vedere, nemmeno dipinta sul muro, nemmeno dipinta in un quadro di Lionello Spada. Perciò il social network ha negato al museo di Gualdo Tadino (Perugia) la possibilità di pubblicizzare sulle sue pagine la mostra Seduzione e potere. La donna nell’arte tra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.