È ora di rifiutare le etichette del Grande fratello biologico

Èqualcosa di ridicolo, un assurdo sociale, contro il quale nessuno fa niente: la mania di indicare sempre, a fianco della foto di una persona, l’età che ha (o farla seguire al nome in tv). Stigmatizzazione inutile e senza pietà, soprattutto perché l’esibizione del magico numeretto viene prontamente affiancata, specie da chi legge o ascolta, a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.