Dimìtris, il suicidio politico: “I nostri morti ci parlano”

Si è sparato sotto un albero in piazza Syntagma, davanti al Parlamento, nel 2012: tutti lessero la sua lettera
Dimìtris, il suicidio politico: “I nostri morti ci parlano”

Dimìtris Christoulas (1935-2012) era il farmacista in pensione che si uccise con un colpo alla testa il 4 aprile 2012 sotto un albero in piazza Syntagma, di fronte al Parlamento. “Si è suicidato, aveva una pistola”, disse un poliziotto. Poi il silenzio, davanti al corpo esanime di Dimitri. Ha lasciato una lettera letta da tutta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.